Se volessimo raccontare le esperienze dei genitori con i pediatri potremmo scrivere un libro di chissà quanti capitoli con tanti racconti, ma quando parliamo di esperienze di mamme di bimbi autistici le storie si raccolgono quasi tutte in due grossi capitoli, non proprio piacevoli da leggere: quello delle diagnosi tardive e quello dei pediatri sordi e del "mordi e fuggi".

Qualcosa sta cambiando, fortunatamente qualcuno si sta impegnando affinchè le esperienze siano diverse, purtroppo ancora non piacevoli, ma con un epilogo decisamente diverso: valutazione Neuroevolutiva nei primi anni di vita, indirizzamento, ascolto, supporto ed io aggiungerei anche pazienza.

A distanza di un anno dal primo incontro a cui siamo stati invitati presso l'Istituto Superiore di Sanità sulla "Costituzione della rete pediatria-neuropsichiatria infantile per la diagnosi precoce dei Disturbi del Neurosviluppo" e il convegno patrocinato dal Comune di Latina ”FORUM AUTISMO” del 25 maggio il nostro appello è stato ascoltato dall’Ordine dei Medici.

Avevamo richiesto alle istituzioni presenti maggior partecipazione e coinvolgimento delle famiglie nell’organizzazione della rete di servizi sociosanitari ed educativi, fondamentali per accompagnare il percorso di vita delle persone autistiche e delle loro famiglie, avevamo chiesto formazione specifica per tutte le figure che ruotano attorno alle nostre persone autistiche, oggi ringraziamo il  Dott. Righetti, Presidente dell'Ordine dei Medici di Latina, il Dott. Rachele, Responsabile Nazionale dell’Area Neuropsichiatria Infantile della Federazione Italiana Medici Pediatri (Fimp), per averci invitato all’introduzione a questo primo corso ECM sul Neurosviluppo.

LatinAutismo partecipa anche al PDTA Autismo coordinato dalla ASL Latina e richiesto dalle linee di indirizzo pubblicate sul Bollettino Ufficiale della Regione Lazio, in collaborazione con NPI, PDL e altre associazioni del terzo settore.

Accedi per commentare
0
0
0
s2sdefault